A proposito di EU-CaRE

Horizon 2020 è un Programma della  Comunità Europea che si sta facendo promotore di innovativi progetti di ricerca clinica in Europa. Dopo una rigorosa valutazione (tasso di successo del 5.9%) di tutti i progetti pervenuti alla Commissione Europea, il progetto EU-CaRE è stato selezionato e valuterà quindi i programmi di riabilitazione cardiaca in 7 paesi Europei.

L’acronimo EU-CaRE sta per European Union – Cardiac REhabilitation in elderly patients.

Le malattie cardiovascolari sono la prima causa di mortalità e morbilità nel mondo. La riduzione nell’incidenza di questa patologia può essere dovuta in parte ai progressi della scienza medica ma soprattutto al controllo dei fattori di rischio cardiovascolare (abitudine tabagica, colesterolo, ipertensione, diabete, stress, sedentarietà, obesità). Dopo un evento cardiovascolare la prevenzione necessita di un lavoro sinergico tra medico e paziente, attraverso una gestione medica e un cambiamento dello stile di vita.

La riabilitazione cardiaca consiste in un programma globale, multidisciplinare, che include:  cessazione dell’abitudine tabagica, consulenza nutrizionale, supporto psicologico, consulenza per il reinserimento a lavoro, attività fisica, rieducazione del paziente e consigli per la vita quotidiana.

I benefici dell’attività fisica sono oggi ampiamente riconosciuti: partecipazione al controllo dei fattori di rischio, miglioramento della qualità di vita, riduzione della mortalità e delle re-ospedalizzazioni. Dopo un evento coronarico acuto, un programma di esercizio fisico personalizzato richiede un’attenta valutazione cardiologica. L’efficacia a lungo termine richiede una pratica regolare.

Notizie